Storie

Che cosa vi manca per essere felici?

Cosimo Scarano
Scritto da Cosimo Scarano

Prendetevi cinque minuti, appena cinque, per leggere e riflettere su questo: pensate al punto in cui si trova la vostra vita, fate un rapido bilancio, soprattutto siate onesti con voi stessi. Che cosa vi manca per essere felici?

Pensate. E poi agite.

Comprendete che lamentarsi serve a poco e rimpiangere è il modo peggiore per impiegare le proprie energie mentali, quasi un insulto alla propria intelligenza.

Scoprite che la vita non é fatta di sconfitte, che le vittorie si cercano, si sudano, e poi arrivano.

Imparate a sorridere, ogni volta che vi è possibile, anche quando non ce ne sará motivo, perché siamo qui proprio per questo.

Siate i creatori della vostra felicità, tutto ha un sapore migliore quando lo si modella con le proprie mani.

Cercate l’amore in ogni cosa, perché ogni cosa ne è pregna, e partecipa allo spettacolo dell’universo, sostenuta da questa forza immensa.

Abbiate degli ideali, e fede in questi: combattete per qualcosa che vi sta a cuore, ed anche nel caso dovesse andar male, ne sará valsa comunque la pena aver lottato ed averci creduto.

Non sprecate mai il vostro tempo, fate tutto quello che potete oggi, non domani, adesso, e non dopo. E non sprecate nemmeno i sentimenti: date abbracci se vi fanno sentire meglio, baciate le labbra che vi fanno tremare, stringete le mani che vi toccano, fissate i vostri occhi in quelli di qualcun altro; ma che questo qualcun altro sia importante, perché il vostro cuore merita solo questo, e non inutili e vuoti sostitutivi.

Non perdete mai la fiducia, nella vita, nelle persone, nei rapporti, in voi stessi; la fidúcia è il presupposto di ogni tipo di relazione, perderla sarebbe davvero una sciagura.

Ed ancor peggio sarebbe perdere la forza: alzatevi, camminate, correte, lottate, urlate, costruite, distruggete se necessario, e poi con coscienza ricostruite tutto. Sporcatevi le mani e bagnatevi di sudore la fronte, se ve ne starete immobili non sarete mai sicuri di essere effettivamente vivi.

Ricordate ogni giorno a voi stessi tutto ciò di cui di cui siete capaci, non arrendetevi mai davanti agli ostacoli, che se qualcuno ci ha davvero creati, sicuramente deve averci dato anche la capacità di superarli.

Sognate, anche ad occhi aperti: nessuno ha mai realizzato uma grande impresa senza partire da un sogno. Aprite i cassetti, tirateli fuori questi sogni, e quando finalmente li realizzerete mostrateli al mondo come un trofeo, affinché siano d’esempio per tutti. E se non ci doveste riuscirvi, non preoccupatevene poi tropo, perché avrete comunque lasciato una scia stupenda e impalpabile nella vostra vita. Ma se sarete fortunati, anche in quella di qualcun altro.

Imparate dal passato, ma poi scordatelo subito dopo. Vivete immersi nel presente, senza perdere nemmeno un secondo, un’opportunitá; eppure tenete ben chiaro che c’é anche un domani, che vi aspetta al varco stringendo tra le mani la promessa di giorni sempre migliori.

Lasciate le strade maestre e avventuratevi nei sentirei meno battuti; abbandonate i porti, sfidate il mare e le onde che a prima vista sembrano insormontabili. Non saprete mai quanto il mondo ha da offrirvi fino a che resterete circondati dalle solite quatro mura.

Non abbiate poi paura di amare, e nemmeno di piangere. Le ferite si rimarginano, mentre le cicatrici sono storie eterne che non vi converrebbe comunque dimenticare.

Intraprendete nuovi progetti e portateli a termine; iniziate a scrivere storie avvincenti, e non fermatevi mai.

Sarete ripagati per tutto, avrete una ricompensa per ogni gesto d’affetto, ogni parola giusta, ogni sguardo limpido.

Cercate il meglio e lo troverete, lo diventerete. Siate splendidi tesori, miniere infinite, scrigni amorevoli, luci calde, respiri profondi, risate amiche per qualcuno, occhi comprensivi per altri. Siate tutto quello che volete essere, occupate tutto lo spazio che la vita vi offre, non smettete mai di crescere.

Che cosa vi manca per essere felici? Assolutamente nulla.

Ti è piaciuto l'articolo? Votalo!
Devi accedere per poter votare.
Il voto dei lettoriIl voto dei lettori
0 persone hanno votato questo articolo.