Storie

A volte è meglio lasciar andare

Cosimo Scarano
Scritto da Cosimo Scarano

Non sempre. Non ogni volta. Ci sono casi in cui vale la pena lottare, andare avanti in ogni modo, cercare una soluzione a qualcosa che si può – si deve – riparare. Ma non è sempre così, e la vita reale è davvero molto diversa da quello che pensiamo di conoscere sul modo in cui storie e sentimenti dovrebbero funzionare.

La verità è che abbiamo tanto da imparare, in qualsiasi momento della nostra vita noi ci troviamo: più probabilmente, non smettiamo mai, perché infinita è la materia che desidereremmo tanto conoscere in ogni suo dettaglio, per evitare quegli spaventosi vuoti in cui si annidano le nostre delusioni, i rancori infiniti.

E non basta l’esperienza acquisita, non bastano nemmeno i consigli a migliorare le cose; se siamo “intenzionati” a fare qualcosa spinti da un movimento del cuore, in qualche modo lo faremo comunque nonostante le mille sirene, gli irrispettosi allarmi, gli avvisi a caratteri cubitali che paventano il pericolo.

Cercando di elencare tutte le cose che potrebbero andare storte nel corso di una relazione, ci troveremmo davanti ad un’impresa titanica, una missione dall’esito scontato, perché impossibile da portare a termine. Ma il punto é: una volta individuate abbastanza deviazioni da quella che dovrebbe essere una storia felice, e soddisfacente, e a suo modo perfetta…quanto ancora è giusto tentare di andare avanti? Vale davvero la pena tentare di sopportare un sentimento trasformato in supplizio, in nome di qualcosa che dovrebbe essere ma evidentemente non è (più)?

Restare attaccati con tutte le forze ad un rapporto che non funziona più, spesso è il modo migliore per condannarsi all’infelicità, calpestare se stessi e scacciare qualsiasi possibilità di una nuova felicità, semplicemente situata altrove. Nonostante un’idea diffusa per cui “trattenere” è meglio che “perdere”, tutto questo non può portare a nulla di buono.

A volte è meglio lasciar andare, prendere tutto il dolore di un distacco e stringerlo in un pugno, ammassarlo insieme a tutta la rabbia per un’occasione sprecata e poi lanciarlo lontano dove non potremmo più trovarlo, nemmeno se lo volessimo. Come un sasso annerito dal tempo, un pericolo da evitare perché non ci ferisca di nuovo. A volte, è meglio lasciare che l’altra persona faccia quello che vuole, anche se questo suo volere è posizionato in un punto molto – o poco, – lontano da noi. A volte è meglio costruire un finto sorriso, e dire che “va bene, ti lascio andare!”, piuttosto che opporre un sentimento di rivalsa ad una crisi in cui nessuno può avere colpe. I sentimenti, semplicemente, si affievoliscono, in alcuni casi fino a sparire, e non c’è modo per riportarli in vita, se non illudersi che ciò sia ancora possibile. A volte è meglio lasciare andare quella persona che consideravamo metà del nostro futuro, il completamento di ogni progetto, la mano rassicurante nelle notti insonni, l’abbraccio caldo in una giornata fredda appena fuori dalla finestra, il sorriso dolce più di ogni cosa, gli occhi attenti sulla via verso casa, la bocca in cui rifugiarsi al riparo da tutti i colpi di anni mai clementi: è meglio liberare la presa, e poi ricominciare a sperare.

Non in un suo ritorno, ma in un futuro incontro tra due volti di nuovo felici, rasserenati dopo un tempo di burrasca infinito, di nuovo pronti a sorridersi senza alcun rancore intrappolato tra i denti. In fondo, è quello che siamo sempre pronti a fare per qualcuno a cui teniamo moltissimo: sacrificare qualcosa di nostro, per far si che la sua felicità aumenti in qualche misura. Solo che a volte la prova è più difficile di quanto immaginavamo, e la scelta tra rinunciare a tutto e decidere di rischiare in una scommessa di serenità futura, è qualcosa a cui non siamo mai pronti del tutto.

Però è così che è fatta la vita, così è fatto l’amore, e così sono fatti l’amicizia, i legami familiari, le storie appena nate e quelle ormai mature, i rapporti occasionali ma anche quelli consolidati: perché così è fatta ogni cosa nel mondo, di incontri e distacchi, e ciò che sta così bene assieme oggi, domani potrebbe scindersi incredibilmente. Solo per ricollegarsi a qualcos’altro, in un universo in cui i legami sono alla base di tutto, di ogni singola molecola, ogni atomo di cui siamo fatti.

 

A volte è meglio lasciar andare scritto da Cosimo Scarano media voto 5/5 - 1 voti utenti
Ti è piaciuto l'articolo? Votalo!
Devi accedere per poter votare.
Il voto dei lettoriIl voto dei lettori
1 persone hanno votato questo articolo.